Lunedi, 25 settembre 2017 - ORE:04:38

Calcio italiano in lutto: é morto lo storico presidente della Samp Riccardo Garrone

Garrone

Garrone

GENOVA – E’ morto Riccardo Garrone, patron blucerchiato e presidente onorario di Erg. Aveva 76 anni ed era malato di tumore da tempo.

Riccardo Garrone ha salvato la Sampdoria nel 2002 prima di innamorarsene. E’ questa la storia del presidente della società blucerchiata che fu, prima di lui, del suo amico Paolo Mantovani.

L’imprenditore era nato a Genova il 23 gennaio 1936: ha sei figli, il maggiore ,Edoardo, è vicepresidente della Samp e presidente del gruppo Erg. Riccardo Garrone si era posto alla guida di Erg nel 1963, rimanendone presidente fino al 2003, anno in cui è subentrato il suo primogenito. Dal gennaio del 2005 ricopriva la carica di presidente della Fondazione Garrone che promuove attività culturali e scientifiche.

E’ stato anche presidente del Banco San Giorgio dall’aprile del 2000 fino a ottobre dell’anno scorso. Ha ricoperto anche cariche in Confindustria. Nel 1993 è stato nominato Cavaliere del lavoro.

CASSANO, UNO DEI GIORNI PIU’BRUTTI DELLA MIA VITA – “Un dolore straziante, oggi è uno dei giorni più brutti e tristi della mia vita. Rimarrai per sempre nel mio cuore e ti vorrò bene per sempre”. Antonio Cassano ha voluto ricordare così, in modo conciso ma forte, Riccardo Garrone.

IL RAPPORTO AMORE/ODIO CON LA TIFOSERIA – Negli ultimi anni, come ricorderete, il rapporto tra la tifoseria e Garrone si era guastato, a causa della vicenda legata ai due giocatori Cassano e Pazzini, due pezzi pregiatissimi, prima acquistati per la gioia e il sogno europeo dei tifosi, poi venduti per ragioni non solo tecniche, e per la rabbia di migliaia di supporters genovesi. Ieri però solo lacrime sul web per lo storico presidente. I tifosi blucerchiati ma anche supporter del Napoli, della Roma e del Milan, persino qualche genoano, scrivono di provare dolore per la scomparsa del vecchio patron . “Grande Duccio (il soprannome di Riccardo) ci hai portato in alto e ti sarò sempre grato” ma anche “Ciao Presidente. Salutami Paolo (Mantovani, ndr) e seguici anche dal terzo anello” e “Abbiamo gioito con te, ci siamo irritati con te ma nel momento dell’addio ti diciamo solo grazie gentiluomo di antico stampo”. Un tifoso della Roma: “vi ha salvato dal fallimento. Auguro alla Samp di fare sempre bene” e anche “Grazie presidente per tutto quello che hai fatto per noi”. Il rapporto tra la Gradinata sud e la presidenza blucerchiata non è mai stato idilliaco, ma adesso i tifosi sono molto tristi e salutano il loro presidente. “Qualunque cosa si dica, non ci fossi stato tu, chissà dove staremmo. Grazie” e anche “Grazie per dieci anni fa. Proteggila”. I tifosi non dimenticheranno Riccardo Garrone: “Grazie, per tutte le esultanze e per tutte le lacrime. Sei stato parte di una splendida storia. E probabilmente, non fossi arrivato tu, chissà se esisterebbe ancora la Sampdoria, chissà se ci saremmo tutti noi.”

CORDOGLIO GENOA ‘GRANDE IMPRENDITORE’ – “Profondo dolore e commozione” è stata espressa anche da parte  degli eterni rivali cittadini genoani. Il Genoa “ricorda le doti di grande imprenditore e l’impegno per Genova” che ha avuto Riccardo Garrone. Questo il comunicato. “Il Presidente Enrico Preziosi, il Consiglio d’Amministrazione, la Dirigenza, i Tecnici, i Giocatori e il Genoa Cfc in tutte le sue componenti, formulando le condoglianze, si uniscono con profondo dolore e commozione alla Famiglia Garrone, al Gruppo Erg e Uc Sampdoria per la scomparsa del Presidente, Cavaliere del Lavoro, Riccardo Garrone. Anche la Società rossoblù, dunque, gli attribuisce i meriti e le capacità di grande imprenditore e il suo impegno per Genova”.

BUFFON, CALCIO PERDE FIGURA POSITIVA – “Il calcio purtroppo perde una figura positiva, uno dei pochi personaggi del panorama calcistico che stimavo, pur non conoscendolo”. Gigi Buffon ricorda così Garrone. “Era molto simile a Mantovani per educazione e correttezza – scrive il portiere della Juventus sul suo profilo Facebook -, il vero aristocratico nel senso nobile della parola. Alla sua famiglia vanno le mie più sincere condoglianze”.

LAZIO-JUVENTUS STASERA IN CAMPO CON IL LUTTO AL BRACCIO: Stasera sarà proprio la Juve di Buffon a scendere in campo contro la Lazio nell’andata delle semifinali di Tim Cup. Entrambe le squadre si affronteranno con il lutto al braccio per la morte del presidente Garrone. Previsto un minuto di silenzio prima del fischio d’inizio della gara. Lo stesso accadrà domani nell’altra sfida tra Roma e Inter e nelle partite del prossimo turno di campionato.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 20 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.