Lunedi, 25 settembre 2017 - ORE:19:08

Commento alla partita dell’Italia: giocatori e tattica della squadra degli azzurri


partita dell'Italia mondiale 2014

Cerchiamo di fare un commento alla partita dell’Italia

Questo il punteggio finale: un 2-1 che assicura il primo posto alla squadra italiana e condanna all’ultimo, invece, i ragazzi di Hodgson.

La squadra inglese dovrà vincere le due partite contro l’Uruguay e contro la Costa Rica per passare il turno. Un’impresa per nulla facile quella che aspetta la nazionale inglese, visto l’ottima partenza della Costa Rica (vittoria contro l’Uruguay) e l’imminente recupero di Luis Suarez per la “celeste”. Gli inglesi hanno provato subito a impaurire gli azzurri.

Sterling, al 4 ° minuto,con un tiro da 25 metri, spaventa tutta l’Italia, poiché la conclusione ha dato l’illusione del goal. Nonostante i primi minuti di difficoltà, gli azzurri passano in vantaggio con un’azione strepitosa. Dal 30° minuto la nazionale tricolore si fa vedere sempre di più davanti la porta difesa da Hart ed al 35° si realizza il nostro vantaggio. Battuto il corner, la palla arriva al limite dell’area di rigore,un velo eccezionale di Pirlo regala la sfera a Marchisio che dalla distanza non sbaglia. Il vantaggio dell’Italia viene subito vanificato. Rooney crossa in mezzo per Sturridge che a distanza ravvicinata non sbaglia.

La difesa italiana, non piazzata perfettamente, si rende complice del goal inglese. Il finale del primo tempo vede ancora gli azzurri pericolosi. Un passaggio filtrante di Pirlo arriva a Balotelli, che elude un’uscita avventata di Hart. Il calciatore del Milan prova un pallonetto a scavalcare il portiere, ma sulla linea Jagielka riesce a salvare la propria porta. L’inizio del secondo tempo vede ancora gli inglesi farsi avanti prepotentemente, ma, nonostante ciò, è la squadra azzurra che passa in vantaggio.

Candreva, al 50° minuto, con un cross in mezzo pesca Balotelli sul secondo palo che di testa insacca. Il vantaggio spinge Prandelli a fare qualche cambio e allora fa uscire Verratti per Thiago Motta. De Rossi viene arretrato sulla linea difensiva, così da difendere il vantaggio.

L’Inghilterra, sotto di un goal, continua a provarci e al 62° minuto un tiro di Rooney per poco non permetteva agli inglese di riagguantare il risultato. L’Italia non riesce più ad aggredire, ma si rende lo stesso pericolosa. Una punizione di Pirlo si stampa sulla traversa in pieno recupero. Un’ottima partita quella giocata dall’ Italia che rassicura un po’ tutti gli italiani, dopo gli ultimi risultati non proprio brillanti. Il 4-1-4-1 della nostra nazionale si è rivelato un sistema di gioco “azzeccato” per questa partita, nonostante lo scetticismo di molti visto che i nostri ragazzi non conoscevano molto bene questo modulo.

La difesa si è rivelata ancora una volta il nostro punto debole. I 4 difensori non sono riusciti ancora a trovare gli automatismi necessari per difendere la nostra porta. La scelta di Prandelli di schierare Chiellini come terzino sinistro solo in parte ha dato i suoi risultati. Il difensore juventino è sembrato un po’ in difficoltà nel calarsi di nuovo nel ruolo di terzino; infatti non è riuscito a spingere sulla fascia ma, in compenso, è riuscito a bloccare molte avanzate pericolose degli attaccanti inglesi.

Forse l’idea di Prandelli era proprio quella di coprire maggiormente sul lato sinistro e sbilanciarsi sul versante destro . Proprio dal versante destro sono arrivate le azioni più pericolose, dove Darmian e Candreva hanno mostrato tutto il loro talento. Darmian, al suo esordio al mondiale, ha giocato una partita strepitosa. Il difensore del Torino non è apparso per nulla spaventato, mettendo in mostra tanta corsa e buona tecnica. Candreva ha fornito l’assist vincente per Balotelli ed ha colpito anche un palo.

I due difensori centrali sono apparsi quelli più in difficoltà, ma nonostante tutto sono riusciti a salvare un paio di volte la nostra porta. Il centrocampo italiano è sicuramente uno dei migliori al mondo. Prandelli ha preferito mettere De Rossi davanti la difesa e Pirlo e Verratti nei 4 a supporto di Balotelli. Il regista della Juventus ha sfiorato nella partita giocata il 95 % dei passaggi riusciti. La sua maledetta per poco non regala il 3-1 alla squadra azzurra. Questi sono solo alcuni dei motivi per cui gli inglesi, insieme a Balotelli, temevano Pirlo. Uno dei migliori in campo è stato sicuramente Claudio Marchisio. Il “ principino” è l’autore del momentaneo vantaggio della squadra tricolore. Dopo una stagione non proprio esaltante nella Juve,forse potrà mettersi in mostra nel mondiale. Ovviamente non si può non citare Mario Balotelli. L’attaccante del Milan è quello che ha segnato più marcature nell’era Prandelli. Il suo goal e la sua esultanza zittiscono il popolo inglese. L’Italia vince e finalmente inizia a convincere. Se si risolvessero i problemi difensivi, la squadra azzurra potrebbe candidarsi come pretendente alla coppa del mondo. Sognare non fa male, intanto nello stadio di Manaus si è risentito un motivetto che è tanto caro ai tifosi italiani: “Po Poro Popopo”.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 46 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.