Lunedi, 20 novembre 2017 - ORE:06:44

Juventus-Fiorentina: il sogno italiano di conquistare l’Europa

juve- fiorentina

juventus- fiorentina

Juventus-Fiorentina: una sorpresa che sconvolge lo Juventus Stadium

La squadra torinese, ormai indiscussa regina del campionato, vuole farsi valere in una competizione che per troppo tempo è stata snobbata dalle squadre del “bel paese”. Dopo l’uscita della Juventus dalla Champions League, che ha causato un duro colpo sia per le casse juventine e sia per il morale di tutto il mondo bianconero, la Vecchia Signora vuole ritornare a vincere un trofeo europeo che manca da troppo tempo.
La Fiorentina, invece, vuole beffare la sua storica rivale, arrivando alla finale di questa competizione che si giocherà proprio nello stadio della capolista del campionato italiano. Non è la prima volta che in questo anno calcistico (2013/2014) le due squadre si affrontano.

Smartwatch free

Quella di ieri è stata la terza partita. Il primo scontro, girone di andata, ha visto trionfare la fiorentina con un 4-2 in rimonta per i giocatori dell’allenatore Montella. Il secondo match si è giocato pochi giorni fa e la Juventus vince di misura (1-0) con un gran gol dell’esterno Asamoah. A rendere l’atmosfera più calda ci hanno pensato i tifosi con cori non proprio “eleganti” che si sono sentiti nell’ultimo scontro. La partita inizia alle 21.00 in uno stadio quasi pieno (poco più di 39,000 tifosi). Il mister Conte, seguendo la sua idea, mette in campo giocatori che non hanno avuto molto spazio in campionato. Anche l’allenatore Montella stupisce un po’ tutti, lasciando Cuadrado in panchina e preferendo Tomovic a Pasqual e Vargas. La partita si mette subito bene per la Juventus che si dimostra padrona del campo e soprattutto delle fasce laterali.
Al 3° minuto la Juventus va a segno con Vidal che, dopo un tocco in area di Giovinco, insacca il pallone. I bianconeri spaventano la Fiorentina. La squadra torinese, per tutto il primo tempo, ha avuto la possibilità di dilagare e mettere in cassaforte il passaggio al prossimo turno.

Juventus-Fiorentina nel dettaglio

Al 12° minuto, su un tiro-cross di Asamoah, Osvaldo poteva fare gol.

Al 25°, una bella parata di Neto, non permette ad Arturo Vidal di firmare la sua doppietta personale con un colpo di testa molto forte e schiacciato.

Al 37°, ancora il giocatore cileno (Vidal), tenta il raddoppio con un colpo di testa che si stampa sulla traversa. Nonostante tutto, la Fiorentina ha avuto un paio di occasioni per raggiungere la Juventus. Aquilani, ex di questa partita,al 14° minuto,prova un tiro da fuori, che Matri,altro grande ex della sfida, con una zampata tenta di deviare in rete, ma senza fortuna. La seconda di Matias Fernandez che, al 17° minuto, dopo uno slalom in area lascia partire il sinistro che viene deviato da Buffon. Il regista della fiorentina, Borja Valero, non riesce a cogliere il tap-in vincente,per un anticipo effettuato dalla retroguardia bianconera. Finisce così il primo tempo con una Juventus in vantaggio per un gol e padrona del campo ed una Fiorentina, forse, un po’ troppo timorosa.

Il secondo tempo inizia con ritmi blandi. I bianconeri sembrano accontentarsi dell’uno a zero ed i Viola sembrano poco offensivi. Conte sostituisce Giovinco con Llorente e Osvaldo con Pogba. Marchisio viene posizionato come seconda punta. Montella è costretto quasi subito al cambio; infatti sostituisce Mati Fernandez, infortunato, con Ambrosini. I viola perdono un pochino di qualità ma acquistano più esperienza. La Fiorentina, che non riesce a pungere, sostituisce un impalpabile Matri con Mario Gomez non ancora in perfetta forma fisica. Proprio il giocatore tedesco, dopo un’illuminante imbeccata di Ilicic, segna un gol meraviglioso e fa sognare i tifosi della Viola.

La Vecchia Signora, priva di una vera è propria seconda punta, non riesce a ritornare in vantaggio. La partita termina con un 1-1 che sta bene alla fiorentina, ma che rende più in salita la qualificazione per i bianconeri. Un Super Mario Gomez, dopo quasi sei mesi dall’ultimo centro, pareggia il gol di Arturo Vidal, autore di un’ottima partita. Mister Conte, come tutti i suoi giocatore, crede ancora nella qualificazione e Montella, d’altro canto, sa che il discorso non è ancora chiuso. Il ritorno si giocherà Giovedì 20 alle 19,00.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 7 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.