Sabato, 22 luglio 2017 - ORE:20:59

Milan-Bologna: un lampo in una notte che rischiava di diventare sempre più oscura

Milan-Bologna Balotelli

Milan-Bologna Balotelli

Balotelli risolve la partita con un tiro dalla distanza e sigla l’1 – 0

Quando il risultato sembrava scritto, con un buon numero di tifosi già usciti da San Siro delusi dall’ennesima prestazione deludente della propria squadra, ecco l’eurogol dell’uomo col numero 45 sulla maglia.

Un tiro da oltre trenta metri, praticamente da fermo, col pallone che schizza in aria e, grazie ad una traiettoria beffarda, si va ad insaccare nel sette della porta difesa da Curci, non perfettamente piazzato al momento dello scoccare del tiro.

Neppure dopo un eurogol del genere l’attaccante rossonero si è lasciato andare ad una minima esultanza

Se non ci avessero pensato i compagni a festeggiare e abbracciare Mario dopo quella giocata da campione, lui se ne sarebbe tornato con la testa abbassata verso il centro del campo per la ripresa del gioco del Bologna.

Un atteggiamento che racchiude i tormenti, la rabbia e la situazione di scarsa tranquillità che attanagliano la punta della Nazionale da diverso tempo.

“Non dovete parlare della mia vita privata; sono l’attaccante dell’Italia, merito un trattamento diverso. Su di me si inventano sempre storie. Ho giocato male ma almeno ho segnato il gol decisivo. A chi lo dedico? Alla mia fidanzata Funny che amo tanto”

Così risponde la punta del Milan a fine serata.

La notizia della paternità, le lacrime in panchina a Napoli, il suo allenatore che non lo ritiene ancora un campione; oltre ad una vita sempre in copertina. Un ottovolante di emozioni notevole, ma che Balotelli farà bene a cercare di gestire, per la propria vita e per il bene della Nazionale, attesa tra pochi mesi all’appuntamento Mondiale.

Per il resto la partita ha riservato davvero pochi spunti degni di nota

Il Bologna a dirla tutto ha provato a firmare il colpaccio, ma sulla sua strada ha trovato un ottimo Abbiati, attento e reattivo sulle conclusioni di Cristaldo e del greco Christodoulopoulos.

Male il giapponese Honda, apparso ancora un corpo estraneo nelle manovre degli uomini di Seedorf, anche se in generale tutto il reparto offensivo rossonero, da Kakà a Taarabt, non ha saputo inventare occasioni concrete per impensierire Curci.

Senza quella magia di Balotelli ora staremmo raccontando dell’ennesima occasione mancata dal Milan, un Milan che dovrà decisamente cambiare faccia martedì sera in Champions League. L’Atletico Madrid, capolista della Liga spagnola insieme a Real e Barcellona, è una squadra di tutt’altra pasta rispetto al Bologna, tra le più in forma del momento a livello europeo.

Il pronostico sulla carta pende dalla parte spagnola, ma si sa, nelle notti di Champions, con un’atmosfera ben diversa dal “triste” anticipo del venerdì sera, San Siro e il Milan sanno trasformarsi e accendersi come pochi. Per i tifosi rossoneri dunque, sognare è lecito e doveroso.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 15 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.