Venerdi, 15 dicembre 2017 - ORE:09:11

Champions, seconda giornata: La Juve frena. Arriva il Milan che non ti aspetti


Smartwatch free

Torino: La Juventus del duo Conte-Carrera, tornata a disputare la competizione europea più prestigiosa dopo circa sei anni, viene fermata in casa, all’esordio nel nuovo stadio in campo internazionale, dallo Shakhtar Donetsk di Lucescu, formazione molto brillante e rapida nelle ripartenze.

I bianconeri hanno infatti dimostrato di soffrire l’impatto con i ritmi elevati della massima competizione internazionale. Le veloci incursioni degli esterni di Lucescu hanno messo in apprensione in più occasioni la difesa juventina, tanto che alla fine si è parlato più di un punto guadagnato che non di due punti persi dai bianconeri.

L’1-1 va forse un pò stretto alla squadra ucraina, soprattutto se si considera l’occasione clamorosa, fallita nel finale da Wilian che colpisce la traversa a pochi secondi dal termine del recupero. Fortuna per la Juve che nel primo tempo ci aveva pensato Bonucci a rispondere al vantaggio iniziale di Texeira, con una sassata chirurgica sotto l’incrocio dei pali.

Poteva essere quello il momento della svolta del match per i bianconeri. Peccato  però, che anche dopo il gol che aveva riequilibrato le sorti dell’incontro, la squadra torinese sia parsa per lunghi tratti, solo una copia sbiadita della migliore Juventus. Adesso la Juve è a 2 punti nel girone guidato dal Chelsea, vittorioso 4-0 in casa del Nordsjelland fanalino di coda, prossimo avversario dei bianconeri, e dallo Shakhtar Donetsk con 4 punti.

S.Pietroburgo: La grande impresa in un momento delicato della stagione, l’ha fatta il Milan. Quasi contro ogni pronostico, la squadra di Allegri passa sul campo dello Zenit.

Rossoneri semplicemente perfetti nei primi 25 minuti: Partenza bruciante e due gol. Il primo lo segna Emanuelson su punizione, complice anche la deviazione decisiva della barriera. Il raddoppio è una perla del giovane El Shaarawy. Il gioiellino italo-egiziano del Milan manda a vuoto, in un solo colpo, l’intervento di cinque giocatori dello Zenit e davanti alla porta non perdona. Il suo gol è un misto incredibile di tecnica, potenza e velocità. Pazzesco! Ma il faraone non è l’unico della serata a compiere miracoli di questo genere. C’è chi è chiamato più di lui a compierne fondamentali, per conservare il prezioso vantaggio maturato in avvio di match: Abbiati.

Il portierone rossonero sembra essere una saracinesca con le calamite sulle mani nella fredda serata di S. Pietroburgo: Toglie dalla porta, o addirittura disinnesca conclusioni potentissime come quelle esplose dal piede di Hulk, dal quale partono dei siluri, quasi mai sotto i 100 Km/h.

Ma il Milan cala alla distanza e prima dell’intervallo subisce la rete che riapre la partita, grazie al sinistro violento di Hulk che in questa circostanza non lascia scampo ad Abbiati. Lo Zenit continua a spingere anche a inizio ripresa, e trova subito il gol del pari. In entrambe le segnature però sono evidenti gli errori di distrazione in fase difensiva da parte della retroguardia milanista.

I rossoneri  tremano, ma non si disuniscono e alla mezz’ora tornano avanti con la rete di Pazzini, ottimamente imbeccato da  Montolivo. Il Pazzo attacca il primo palo e in scivolata colpisce la sfera. La deviazione di un difensore dello Zenit anche in questo caso è influente e spiazza il portiere.

Il finale è rovente. Ancora uno strepitoso Abbiati nega la gioia della rete allo Zenit a 7′ dalla fine, deviando in angolo in tuffo la poderosa conclusione dai 20 metri di Brystov. Dopo questa occasione la spinta dello Zenit si esaurisce e il Milan ha anche il merito di condurre in porto questa gara senza ulteriori rischi, gestendo con esperienza la pressione degli avversari.

In serata il Malaga vince in Belgio contro l’Anderlecht ed è capolista del girone C, proprio davanti ai rossoneri, saliti a quota 4. Il prossimo incontro vedrà gli uomini di Allegri opporsi agli spagnoli a S.Siro.

Intanto la scala del calcio sarà teatro, domenica sera della grande sfida tra le due compagini della stracittadina milanese. Speriamo, dunque, in attesa dell’Inter, impeganata in Europa League questa sera, che i risultati diano morale ai tifosi delle due  squadre, così da poterci aspettare una grande cornice di pubblico presente al Meazza in occasione del derby.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 9 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.